Dichiarazioni sostitutive e acquisizione d'ufficio dei dati

04 Ottobre 2021

Dichiarazioni sostitutive


L'art.15 legge n. 183/2011 modificando alcune norme in materia di certificati contenute nel D.P.R. 445/2000, ha stabilito che dal 1 gennaio 2012, le Pubbliche Amministrazioni e i gestori di pubblici servizi non possono più richiedere a cittadini e imprese le certificazioni concernenti stati, fatti o qualità personali in quanto le stesse dovranno essere sempre sostituiti da dichiarazioni sostitutive di certificazione o dell'atto di notorietà.

Acquisizione d'ufficio dei dati


L’art. 43 c.1 D.P.R n. 445/2000 e ss.mm. prevede che le amministrazioni pubbliche e i gestori di pubblici servizi, siano tenuti ad acquisire d’ufficio le informazioni oggetto delle dichiarazioni sostitutive di cui agli articoli 46 e 47 del decreto medesimo, nonché tutti i dati e i documenti che siano in possesso delle pubbliche amministrazioni, previa indicazione, da parte dell’interessato, degli elementi indispensabili per il reperimento delle informazioni o dei dati richiesti, ovvero ad accettare la dichiarazione sostitutiva prodotta dall’interessato.

L'art. 35, c. 3 del D.Lgs. n. 33/2013 stabilisce che le amministrazioni pubblichino i recapiti telefonici e la casella di posta elettronica istituzionale dell'ufficio responsabile per le attività volte a gestire, garantire e verificare la trasmissione dei dati o l'accesso diretto agli stessi da parte delle amministrazioni procedenti ai sensi degli articoli 43 71 e 72 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445.

Ufficio Responsabile


Ufficio responsabile per le attivita' volte a gestire, garantire e verificare la trasmissione dei dati o l'accesso diretto agli stessi da parte delle amministrazioni procedenti, all'acquisizione d'ufficio dei dati e allo svolgimento dei controlli sulle dichiarazioni sostitutive:

  

Letto 42 volte Modificato il 05 Giugno 2022